Sabato 4 Novembre – 18:00 – Centro Culturale Candiani
Crimini Viventi. Scene del crimine dal vivo in un percorso da brivido

Da un’idea di Patrizia Spadon realizzata dalle Associazioni Fuori Quota e Voci di Carta

Quando si inizia una lettura, si inizia un viaggio, sempre e inevitabilmente; un viaggio nel tempo, nello spazio e all’interno di noi stessi. Incontriamo occhi, stanze, sorrisi, vicoli,  immaginiamo situazioni e descrizioni, persone e personaggi,  ed è allora che la fantasia intraprende il suo percorso. Il giallo letterario non è sicuramente competitivo con quello televisivo o cinematografico. La parola scritta è insostituibile quando si tratta di scavare dentro la realtà rivelando il lato nascosto delle cose, ma quando vuole dare il senso dell’azione è fatalmente lenta. Ed è allora che il misterioso mondo dell’autore viene ricreato nella nostra testa, è come un ritornare bambini, illudendoci che anche noi partecipiamo  a scoprire misteri ed enigmi.

Non esiste un buon immaginario o un cattivo immaginario, ma solo punti di vista  personali che assecondano la necessità di dare un volto ai personaggi e un ordine visuale alle cose. Noi abbiamo messo in scena i nostri creando un percorso costituito da  sette installazioni che rappresentano scene ispirate  ad altrettanti libri gialli di successo. Un viaggio dentro la scena del delitto, in grado di suscitare emozioni, semplice divertimento o curiosità per nuovi lettori.

Ci siamo  arrogati il diritto di rendere pubblica la nostra immaginazione, sapendo che deluderemo sicuramente qualcuno così come accade quando personaggi da noi immaginati acquistano un volto ufficiale in un film, in un quadro, a teatro.

Non casualmente le  vittime dei nostri set sono donne, come accade troppo spesso nella vita reale.

A fare da guida in questo viaggio sarà una veterana delle investigatrici dilettanti, direttamente da St. Mary Mead la più ironica e perspicace esperta criminologa: Miss Marple.