I luoghi degli eventi

centro-culturale-candiani

Centro Culturale Candiani

P.le Luigi Candiani 7 - Mestre

Il Centro Culturale Candiani offre una curiosa, originale, variegata e versatile gamma di attività, pensate per intrigare e coinvolgere la pluralità dei pubblici lungo quelle direttrici delle arti e della cultura del contemporaneo che costituiscono la principale e doverosa vocazione per una città giovane e in continua, eterna trasformazione come Mestre.
Dalla fotografia al cinema, specialmente digitale, dal teatro di parola alla ricerca musicale, dalla rivisitazione storica alla letteratura nelle sue molteplici declinazioni, dalla didattica sui nuovi linguaggi ai temi  sociali. L’idea è di documentare e dibattere la contemporaneità nel suo farsi, contribuendo a sprigionare le risorse intellettuali e le energie produttive della città e non solo.

ubik-mestre

Libreria Ubik

Via Poerio 6 - Mestre

Ubik deriva dal latino ubique che significa “ovunque”, parola che ben rappresenta la volontà di sviluppare una catena di librerie in franchising distribuite su tutto il territorio italiano, quali punto di riferimento di qualità per i lettori e dove un ruolo centrale è svolto dalla figura del libraio.
La libreria Ubik di Mestre è stata inaugurata nel settembre del 2015 restituendo alla città uno spazio di 300 metri quadri, in pieno centro storico, dove soffermarsi a sfogliare i titoli dei libri appena usciti. In libreria trovate un’ampia sezione dedicata all’editoria per bambini e ragazzi, alla narrativa e alla saggistica e un’ampia scelta di libri remainder.
Presso la libreria Ubik di Mestre potete farvi consigliare dai librai Alessandro e Susy che propongono abitualmente presentazioni di libri e appuntamenti culturali di grande interesse.

biblioteca-civica-vez

Biblioteca Civica VEZ

P.le Donatori Sangue 10 - Mestre

La Biblioteca civica di Mestre aprì al pubblico l’11 ottobre 1953 nello storico edificio cinquecentesco della Provvederia, e fu organizzata secondo i criteri della public library anglosassone, perseguendo le finalità di una “biblioteca di tutti”. Negli anni seguenti, visto l’alto afflusso, molte le iniziative degli utenti per chiedere un luogo più congruo ad ospitare la biblioteca che, nell’ottobre del 1976, trovò una sede più ampia in via Piave. Nell’ottobre del 1994, il Comune di Venezia, a seguito dell’acquisto e restauro in via Miranese di una ex vetreria, inaugurò la nuova biblioteca nella sede di via Miranese (BCM), dismessa nel dicembre 2014. Nel marzo 2013 la Biblioteca civica si trasferisce nella sede di Villa Erizzo (VEZ); prossimi interventi di ristrutturazione e ampliamento delle pertinenze della villa permetteranno la ricongiunzione in un’unica nuova struttura, adeguata alle esigenze della città.

auditorium-lippiello

Auditorium Lippiello

Via G. Ciardi 45 - Cipressina Mestre

L’Auditorium è inserito nel Centro Civico di via G. Ciardi ed è uno spazio per le attività culturali gestito dalla Municipalità di Chirignago Zelarino.
L’inaugurazione è avvenuta giovedì 19 novembre 2009, intitolando il Centro Civico e l’Auditorium al Sovrintendente della Polizia di Stato Antonio Lippiello.
Nel 2014 i sottoportici del Centro Civico sono stati abbelliti con degli affreschi raffiguranti momenti di storia e di vita del quartiere Cipressina. Nel 2015 è stato realizzato un grande “murale” tematico sulla parete laterale dell’Auditorium.

Biblioteca Comunale di Spinea

Biblioteca Comunale di Spinea

Via Roma 265 - Spinea

La biblioteca Comunale di Spinea, istituita con deliberazione di Giunta Municipale n.477 del 10 giugno 1974, ha da sempre sede nella ottocentesca Villa Simion. L’apertura al pubblico della biblioteca risale al 1978 e in breve tempo la villa divenne il centro della vita culturale della Città di Spinea dell’epoca. Denominata centro culturale ospitava fin dai primi anni ’80 laboratori di teatro, costruzione di scenografie, maschere, macchine teatrali, corsi di dizione e mimo.
Negli anni tra il 1994 e il 2001 si resero necessari dei pesanti lavori di ristrutturazione della villa, la biblioteca, pertanto, fu trasferita in una sede provvisoria, perdendo forse, almeno parzialmente, il ruolo di volano delle iniziative culturali. Nell’anno 2002 Villa Simion ha riaperto i battenti come Biblioteca Comunale, con una “nuova” organizzazione degli spazi e delle raccolte.