Andrea Vitali

Andrea Vitali

Andrea Vitali

Dopo aver frequentato «il severissimo liceo Manzoni» di Lecco, Andrea Vitali si laurea in medicina all’Università Statale di Milano ed esercita la professione di medico di base nel suo paese natale.

Scrittore molto prolifico, ha esordito nel 1990 con il romanzo breve Il procuratore, ispiratogli dai racconti di suo padre; nel 1996 ha vinto il Premio letterario Piero Chiara con L’ombra di Marinetti, ma il grande successo lo ha ottenuto nel 2003 con Una finestra vista lago (Premio Grinzane 2004). Nel 2006 ha vinto il Premio Bancarella con il romanzo La figlia del Podestà; nel 2009 il Premio Boccaccio e il Premio Hemingway. Da ricordare che con il romanzo Almeno il cappello (edito nel 2009 da Garzanti) Andrea vitali ha vinto il Premio Casanova, il Premio Isola di Arturo Elsa Morante, il Campiello sezione giuria dei letterati ed è stato finalista al Premio Strega. Tra gli ultimi romanzi usciti nel 2016 Nel mio paese è successo un fatto strano (Salani) e Le mele di Kafka (Garzanti).  I suoi libri sono stati tradotti in molti paesi, tra cui la Turchia, la Serbia e il Giappone.

Domenica 27 novembre – 16:00 – Centro Culturale Candiani
Andrea Vitali presenta il libro Viva più che mai (Garzanti)

Modera Maria Teresa Crisigiovanni. Letture a cura di Voci di Carta

Viva più che mai Andrea VitaliIl soprannome che gli hanno dato, Dubbio, parla da solo. Una certezza, però, ce l’ha persino lui: dai carabinieri è meglio stare alla larga. Perché di “mestiere” il Dubbio fa il contrabbandiere e campa traghettando stecche di sigarette dalla Svizzera, magari di notte, con una barchetta a motore. E proprio stanotte, col fianco della barchetta, ha urtato il cadavere di una donna. L’ha tirato a riva e, senza dimenticare di far sparire il carico illegale, è andato a chiamare un suo cliente fidato, il medico di Bellano, proprio per evitare i carabinieri. Ma quando torna alla riva, il cadavere non c’è più. Eppure l’ha visto bene, non può esserselo inventato, anche se qualche bicchiere l’ha bevuto, su al crotto del Buco dell’Orso, prima della traversata. In ogni caso, il punto ora è questo: che fare?