Davide Busato

Davide Busato

Davide Busato

Davide Busato è nato a Venezia nel 1975. Ricercatore storico, si è laureato con una tesi sulla criminalità a Venezia nel Settecento. È autore del sito www.veneziacriminale.it dov’è rappresentata la prima mappa dei fatti criminali di Venezia. Nel 2014 è stato ospite nella trasmissione “Echappées belles – Venise, l’Eternelle France 5” diretta da Raphael De Casabianca per l’emittente televisiva France 5. Nel 2015 è stato ospite nella trasmissione “Linea Blu” con il conduttore Fabio Gallo per l’emittente televisiva Rai 1.

Ha pubblicato Metamorfosi di un litorale. Origine e sviluppo dell’isola di Sant’Erasmo nella laguna di Venezia (2006) con Marsilio; I serial Killer della Serenissima: assassini, sadici e stupratori della Repubblica di Venezia (2012), Venezia Criminale: delitti e misteri del ‘700 (2013) e Laguna di sangue: cronaca nera veneziana di fine Ottocento (2016) con Helvetia editrice. Il libro I Serial Killer della Serenissima è stato tradotto in inglese da Helvetia editrice (2013). Come coautore: L’isola della Certosa di Venezia (2009) e Forme del vivere in laguna. Archeologia, paesaggio, economia della Laguna di Venezia (2011) con il Centro Studi Riviera del Brenta.

Sabato 11 novembre – 16:30 – Negozio Piave 67 
Davide Busato presenta “Venezia Criminale” (Helvetia)

 

Busato venezia criminale
Zanmaria Millevoi, il sarto assassino di Contrada di San Mattio; Elena Sciarles, la donna bruciata nella propria casa alle Chiovere di San Girolamo; Vittoria Basadonna, la nobile uccisa nel palazzo dei Gritti a San Moisé; Giovan Battista Bombonati, il parrucchiere vicentino che escogitò la truffa della pentola degli spiriti; Chiara Pentarina, la cuoca accusata di aver messo del veleno nel brodo del proprio padroncino a San Paterniano; l’annegato senza nome ripescato ai bordi del Ponte della Panada, sono i protagonisti di alcuni fatti di cronaca nera che accaddero a Venezia nella seconda metà del Settecento e di cui ci sono giunte notizie attraverso le documentazioni processuali conservate presso l’Archivio di Stato. Davide Busato, approfondendo lo sviluppo di questi casi emblematici, ricostruisce i metodi di lavoro della polizia che investigava ai tempi della Serenissima e dei Magistrati che ne coordinavano le indagini, dando ampio risalto ai tanti piccoli particolari curiosi della vita quotidiana dell’epoca emersi dalla lettura degli interrogatori.