Lorenzo Giroffi

Lorenzo Giroffi

Lorenzo Giroffi

L’autore

Lorenzo Giroffi (1986) è un giornalista d’inchiesta. Ha iniziato con una radio di provincia, a Caserta, raccontando di camorra. Poi comincia a occuparsi di Esteri. Segue in presa diretta le primavere arabe e la guerriglia sui monti del Kurdistan, le rotte migratorie in Africa e la guerra nel Donbass, la rivoluzione burkinabé e la battaglia di Mosul, i cartelli messicani, la crisi venezuelana e il conflitto libico. È autore di diversi libri tra cui Ucraina, la guerra che non c’è, La seconda vita di Majorana e Il Fornaio.

Il libro

Dai clan della camorra alle trincee del Donbass, dal Montenegro al Kosovo, tre criminali di provincia tentano l’assalto al cielo. Un’immersione in apnea nelle dimenticate tragedie d’Europa.

Poco più di cento miglia separano le coste pugliesi da quelle del Montenegro e, nella luce limpida di certe mattine, dal litorale italiano si vedono le montagne dell’Albania. Quando si ritrovano dall’altra parte del mare, Anna, Roberto e Gino hanno un unico obiettivo: fare il salto nella malavita che conta ed esorcizzare i loro fantasmi. Per riuscirci devono beffare la frontiera di acqua salata e aprire una nuova via per l’eroina. Anna in realtà è una trans. Si chiama Antimo ed è la figlia di don Franco Salano, il boss di Forcella. È cresciuta tra i vicoli dei Quartieri dedicandosi al pizzo e all’usura, sopportata solo per il cognome che porta. Roberto Flores ha trentasei anni, viene da Capodrise ed è stato una promessa del pugilato, ma alla fatica della boxe ufficiale ha preferito i soldi facili dei combattimenti clandestini. Cinico e scaltro, è stato un corriere della droga e un soldato sulle piazze di spaccio della capitale. Gino è lo zio di Roberto, ha passato la vita a fuggire dalla campagna in cui è nato. Per lui l’avidità è un comandamento e il tirare a campare un’arte. Districandosi tra le faide dei clan balcanici, scivolando in notti buie come la pece sulle onde dell’Adriatico, i tre hanno deciso di prendersi un posto al sole. Ancora non sanno che quel posto si trova oltre l’unico confine davvero invalicabile: la frontiera dei loro cuori.

Giornalista d’inchiesta freelance per importanti testate, Lorenzo Giroffi si avvale di una lunga esperienza sul campo per comporre un romanzo-verità che, dalla provincia campana alla guerra in Donbass, dalle periferie romane alla repubblica della Transnistria, segue le mille connessioni del crimine organizzato e indaga il cuore nero dell’Europa.