Norah Gelbe

Norah Gelbe

Norah Gelbe

Domenica 18 novembre | 11:30 | Libreria Ubik | Mestre
NORAH GELBE presenta in anteprima nazionale “Un mare di luppolo” – Il Prato Edizioni
Modera Paolo Calabrò.
Segue degustazione di birra offerta da “Birrificio Trevigiano”

Biografia

L’identità di Norah Gelbe verrà svelata durante la presentazione fatta da Paolo Calabrò

Nata a Salisburgo (Austria) si è stabilita da molti anni a Venezia.

Ha esordito nella letteratura gialla con La ragazza bambola (2017), che è stato pubblicato in e-book anche in tedesco con il titolo Das Puppenmädchen (2018). Ha abbandonato momentaneamente l’ispettore Steiner per dedicarsi a dei racconti noir ambientati nei Sestieri di Venezia e nelle località principali della sua terraferma in Gotico Venexiano. Torna ora alla serie Der Code Knacker (Il decifratore) con una nuova indagine dell’Ispettore Steiner in Un mare di luppolo.

Paolo Calabrò, di formazione scientifica e filosofica, è membro dell’associazione di scrittori NapoliNoir. Oltre a diversi saggi in volume su Raimon Panikkar, Maurice Bellet e Ivan Illich, ha curato con Diana Lama una raccolta di racconti noir («C’è un sole che si muore», ed. Il Prato, 2016) e ha dato vita, per lo stesso editore, alla collana dei “Gialli del Dio perverso” (vol. 1: «L’intransigenza»; vol. 2: «L’abiezione»). Vive a Caserta ma ama il Veneto. E ci torna ogni volta che può.

Il libro

Gelbe_libro

Il nuovo romanzo di Norah Gelbe con la seconda indagine dell’ispettore Austriaco, di Salisburgo, Hans Steiner, soprannominato Der code knacker, il decifratore.

“Onore, patria e libertà.
Per questo sono entrato in confraternita. Per mantenere forti e pure le tradizioni, la lingua e la cultura del mio paese.
Parole. Solo parole.
Il Demone si è insinuato e ha sporcato tutto. Niente si è salvato dal fango della malvagità.
La valanga grigia e maleodorante ha ucciso i miei sogni, il mio futuro e anche il mio corpo.
Quello che ho visto non mi consentirà la pace del Signore e mi perseguiterà per sempre.
La mia incredulità è stata complice del male.
Mi chiamo Jorge Gruber. Sono morto… ma il Demone ancora mi perseguita.”